L’INSENSATEZZA DELLA RAGIONE

1

Finita l’era del Razionalismo, esasperazione del potere di una mente ritenuta unico valore aldisopra e aldilà di ogni ‘ragionevole’ dubbio, eccoci a fare i conti con un nuovo modello di Co/Azione per un cambiamento dei nostri modi d’approccio per la comprensione delle cose che ci circondano.

La vita ci mette di fronte quotidianamente a problemi che non possono essere ridotti ad una semplificazione raziocinante e la cui risoluzione chiede che mettiamo in movimento parti anche della nostra spiritualità o comunque la si voglia chiamare: elevazione, dimensione-altra, anima interiore, trascendenza oppure ciò che, più laicamente, concerne la più pura astrattezza.

E allora, eccoci a fare i conti con una dimensione vecchia quanto l’uomo: la propensione al magico, all’occulto, a ciò che di solito, nei secoli scorsi  ha anche offerto il fianco ad accendere roghi o bandire, con la violenza e la tortura, spiriti liberati della materialità del proprio e altrui pensiero.

L’INSENSATEZZA DELLA RAGIONEultima modifica: 2016-06-22T11:56:50+02:00da ereticamente

Questo elemento è stato repostato da

  • Avatar di ereticamente

Lascia un commento